Jane Austen, la ragione e il sentimento

Jane Austen, la ragione e il sentimento

16 Dicembre 2021 0 di Anna Maria Pierdomenico

Jane Austen, scrittrice britannica che ha segnato un’epoca, nacque a Steventon, nel sud dell’Inghilterra, il 16 dicembre 1775.

L’infanzia

Penultima di otto figli, Jane fu istruita inizialmente dal padre, che era un pastore anglicano, poi, insieme alla sorella Cassandra studiò a Oxford e a Southampton e infine frequentò la Abbey School di Reading.

Nel 1759 Jane conobbe Thomas Langlois Lefroy, di cui si innamorò ricambiata. La famiglia del ragazzo però si oppose alla loro unione, ritenendo la Austen socialmente inadeguata, e decise di allontanarlo da Steventon. Thomas, totalmente dipendente dal prozio a livello economico, fece quello che gli veniva ordinato.

Jane Austen non si sposò mai e la sua storia d’amore spezzata è narrata in modo struggente nel film “Becoming Jane” con Anne Hathaway.

Illustrazione della Canonica di Steventon

Prime impressioni

Jane iniziò le prime stesure di quelli che diventeranno alcuni dei suoi lavori più celebri tra il 1795 e il 1799: “Prime impressioni”, bozza di “Orgoglio e pregiudizio”, ed “Elinor e Marianne”, che diventò poi “Ragione e sentimento”.
Suo padre George comprese subito il talento della figlia e cercò di far pubblicare i suoi scritti, ma senza successo.

Nel 1803 suo fratello Henry riuscì a vendere a un editore il romanzo “Susan”, poi diventato “L’abbazia di Northanger”, ma esso non fu pubblicato finché gli Austen non ne riacquistarono i diritti nel 1816.

Nel dicembre del 1800 la famiglia di Jane si trasferì a Bath, dove dopo pochi anni il padre morì improvvisamente, lasciando la moglie e le due figlie in difficili condizioni economiche. Le tre, aiutate dai fratelli della scrittrice, si trasferirono prima a Southampton e poi a Chawton, un piccolo villaggio dell’Hampshire.

Il cottage di Chawton – https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=4271641

A Chawton

Fu a questo punto che le opere di Jane cominciarono ad avere il giusto riconoscimento. L’editore Egerton pubblicò “Ragione e sentimento” (1811) e “Orgoglio e pregiudizio” (1813) ed entrambi i libri furono un successo. Nel 1814 andò in stampa “Mansfield Park” e nel 1815 il celebre editore londinese John Murray fece uscire “Emma”.

Nel 1816 Jane Austen si ammalò gravemente e l’anno successivo sua sorella Cassandra la portò a Winchester, dove sperava di trovare una cura adeguata. Jane però morì il 18 luglio 1817 e fu sepolta nella cattedrale della città. Nel suo testamento lasciò tutto a sua sorella e 50 sterline al fratello.

Solo quando dopo la sua morte furono messi in commercio “Persuasione” e “L’abbazia di Northanger” il pubblico scoprì che Jane Austen era l’autrice dei romanzi che tanto aveva amato. Fino ad allora erano stati firmati soltanto “by a Lady” o “by the author of Sense and Sensibility”.

Jane Austen ritratta nel 1810 circa dalla sorella Cassandra

Scopri le donne pioniere

Nilde Iotti, la pioniera dei diritti delle donne

Rosa Parks, la madre dei diritti civili

L’imprevedibile destino di Susanna Salter

Christine de Pizan e “La città delle dame”

I sette veli di Mata Hari

Marina Raskova e le “Streghe della Notte”

Alice Ball, l’oltraggio e la beffa

Mary Shelley e la nascita di Frankenstein

Giovanna Milli, la poetessa abruzzese che incantò l’Italia

Amelia Earhart, la pioniera del volo

Kathrine Switzer, la prima maratoneta di Boston

Malala Yousafzai e i diritti delle bambine

Isadora Duncan verso la gloria

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le curiosità

Charles Darwin e “L’origine delle specie”

Emilio Salgari, il padre italiano dell’avventura

Anna di Clèves, la “buona sorella del re”

Jules Verne e i Viaggi Straordinari

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

Edward Jenner, il padre dell’immunizzazione

Miti e leggende

Clitemnestra, la madre vendicatrice

Il vaso di Pandora

Il mito di Narciso

La nascita dei centauri

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

0 Condivisioni