Emilio Salgari, il padre italiano dell’avventura

Emilio Salgari, il padre italiano dell’avventura

8 Settembre 2021 0 di Anna Maria Pierdomenico
Emilio Salgari, ricordato soprattutto per essere il “padre” di personaggi immortali come Sandokan, il Corsaro Nero e Tremal Naik, fu autore di più di 80 romanzi.

Gli esordi

Nato il 21 agosto 1892 a Verona, crebbe in Valpolicella. Nel 1878e iiziò a fequentare  il Regio Istituto Tecnico e Nautico di Venezia, ma in seguito interruppe il percorso di studi e si dedicò al giornalismo.
La sua prima opera pubblicata fu un racconto, “I selvaggi della Papuasia” (1882). Nel 1883 pubblicò a puntate sul giornale veronese “La nuova Arena” il romanzo “Tay-See”, seguito sullo stesso giornale da “La tigre della Malesia”, che riscosse un notevole successo, ma non diede alcun ritorno economico significativo.

Emilio Salgari

Il Corsaro Nero

Nel 1897 l’editore Anton Donath lo convinse a trasferirsi a Genova con la famiglia e durante il soggiorno ligure scrisse “Il Corsaro Nero”, considerato il suo capolavoro.
Nel 1900 Emilio Salgari si trasferì a Torino e nella biblioteca civica centrale poté trovare mappe e racconti di viaggi esotici che costituirono la base e lo spunto per le sue storie. Tra il 1892 e il 1898 pubblicò circa una trentina di opere.
Il 3 aprile 1897, su proposta della regina d’Italia Margherita di Savoia, Salgàri venne insignito dalla Real Casa del titolo di “Cavaliere dell’Ordine della Corona d’Italia”.

Molti impegni e poco riconoscimento

Nonostante questo dovette affrontare gravissimi problemi economici, aggravati dai problemi mentali della moglie che dovette far internare.
I contratti di lavoro obbligarono Emilio Salgari a scrivere tre libri l’anno e contemporaneamente dirigeva un periodico di viaggi. Nonostante la mole di lavoro era sottopagato e poco considerato dai circoli intellettuali e ciò, unito ai problemi familiari gli causò un esaurimento nervoso.

Il suicidio

Sempre più depresso, nel 1909 tentò per la prima volta il suicidio, gettandosi sopra una spada, ma venne salvato in tempo dalla figlia Fatima. Sempre più disperato, 25 aprile del 1911, Emilio Salgari lasciò sul tavolo tre lettere e uscì dalla sua casa prendendo il suo solito tram con in tasca un rasoio.
Il suo corpo, col ventre e la gola squarciati in modo simile al seppuku giapponese – una forma di suicidio rituale –  fu ritrovato nella zona collinare che sovrasta il corso Casale di Torino, dove con la famiglia andava solitamente a fare i pic-nic.
Rendiamo onore oggi a questo straordinario scrittore che non ha avuto in vita la considerazione che meritava, con una carrellata di alcuni dei suoi romanzi più famosi.

Scopri l’Abruzzo

Le Grotte di Stiffe, il paradiso sotterraneo

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Gli eremi di Roccamorice

Le antiche chiese d’Abruzzo

Fossa, tra antiche necropoli e affreschi medievali

Il romanico abruzzese

Francesco Paolo Michetti e il Cenacolo

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

La donna barbuta abruzzese

Scopri le donne pioniere

Mary Shelley e la nascita di Frankenstein

Giovanna Milli, la poetessa abruzzese che incantò l’Italia

Amelia Earhart, la pioniera del volo

Kathrine Switzer, la prima maratoneta di Boston

Malala Yousafzai e i diritti delle bambine

Isadora Duncan verso la gloria

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri le curiosità

Anna di Clèves, la “buona sorella del re”

Jules Verne e i Viaggi Straordinari

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

Edward Jenner, il padre dell’immunizzazione

0 Condivisioni