Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Celebre star di Hollywood e premio Oscar come miglior attrice nel 1955, Grace Kelly fu una delle interpreti favorite di Hitchcock, che coniò per lei la definizione di “Ghiaccio bollente”.

Gli esordi

Grace nacque il 12 novembre 1929 a Filadelfia, da una famiglia facoltosa e fortemente cattolica che non vide di buon occhio il suo desiderio di lavorare nel mondo del cinema. Nonostante l’opposizione dei genitori Grace cominciò a lavorare come indossatrice e a diciannove anni debuttò a teatro in “Il padre” di August Strindberg. Il ruolo le valse il “Theatre World Award”. Due anni dopo esordì al cinema con un ruolo secondario e la sua interpretazione la fece notare immediatamente, tanto che l’anno successivo fu scritturata per lavorare al fianco di Cary Grant in “Mezzogiorno di fuoco”.

Dopo il film drammatico “Mogambo”, che le fruttò la nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista, Grace iniziò la sua collaborazione con Alfred Hitchcock. Sotto la direzione del maestro del brivido – che per lei coniò l’ossimorica definizione di “Ghiaccio Bollente” – recitò in “Il delitto perfetto”, “La finestra sul cortile” e “Caccia al ladro”. Sul set di quest’ultimo film, girato nel 1955, Grace conobbe il suo futuro marito, il principe Ranieri di Monaco. Nello stesso anno vinse il Premio Oscar come miglior attrice protagonista per “La ragazza di campagna”. A questa pellicola ne seguirono altre due per cui Grace aveva già preso impegni contrattuali, “Il cigno” e “Alta società”, ma col matrimonio la Kelly diede ufficialmente l’addio alle scene.

L’addio alle scene di Grace Kelly

Dopo le nozze Grace partecipò attivamente alla soluzione della crisi diplomatica tra Francia e il Principato di Monaco e contribuì a rendere quest’ultimo un’ambita meta di vacanza e soggiorno per celebrità.

Grace non tornò mai più al cinema – il suo ruolo glielo impediva – ma tornò a teatro per una serie di letture e di poesie e con la narrazione del documentario “I ragazzi dell’opera.” Nel 1979 lei e Ranieri lavorarono ad un cortometraggio, “Rearrenged”, e in seguito decisero di ampliarlo, ma il film non fu mai completato a causa della morte della principessa.

L’incidente

Il 13 settembre 1982, mentre era in macchina con la figlia minore Stéphanie, Grace perse il controllo del veicolo, sfondò il guardrail e finì in una scarpata, schiantandosi nel giardino di una residenza privata. Nonostante le numerose lesioni Stéphanie sopravvisse, invece le condizioni della madre apparvero subito disperate.

Grace morì il giorno successivo e l’autopsia rivelò che con ogni probabilità l’incidente era stato causato da un ictus che aveva fatto perdere conoscenza alla principessa. In seguito furono fatte diverse indagini, data anche la mancanza di segni frenata, ma non furono trovate manomissioni sulla vettura.

I funerali furono celebrati il 18 settembre e furono trasmessi in diretta televisiva per permettere a tutto il popolo monegasco di partecipare.

 

Scopri le donne pioniere

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo

Eleonora di Arborea

Lola Di Stefano

Katharine Hepburn

Maria Callas

Costanza D’Avalos

Sabina Santilli

Marlene Dietrich

Filomena Delli Castelli

Paolina Bonaparte

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace

Nettie Stevens

Greta Garbo

Anna Magnani

Marie Curie

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli

Aileen Wuornos

Erzsébet Báthory

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri le curiosità

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

Oetzi, la mummia di Similaun

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Halloween: la nascita di una tradizione

La donna barbuta abruzzese

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

0 Condivisioni