Clitemnestra, la madre vendicatrice

Clitemnestra, la madre vendicatrice

“𝑰𝒐 𝒎𝒊 𝒗𝒂𝒏𝒕𝒐, 𝒆 𝒔𝒆 𝒇𝒐𝒔𝒔𝒆 𝒑𝒆𝒓𝒎𝒆𝒔𝒔𝒐 𝒇𝒂𝒓𝒆 𝒇𝒆𝒔𝒕𝒂 𝒔𝒖 𝒖𝒏 𝒎𝒐𝒓𝒕𝒐 𝒒𝒖𝒆𝒔𝒕𝒐 𝒔𝒂𝒓𝒆𝒃𝒃𝒆 𝒊𝒍 𝒎𝒐𝒎𝒆𝒏𝒕𝒐 𝒈𝒊𝒖𝒔𝒕𝒐, 𝒂𝒏𝒛𝒊 𝒑𝒊𝒖̀ 𝒄𝒉𝒆 𝒈𝒊𝒖𝒔𝒕𝒐, 𝒑𝒆𝒓 𝒕𝒖𝒕𝒕𝒊 𝒊 𝒄𝒓𝒊𝒎𝒊𝒏𝒊 𝒅𝒊 𝒄𝒖𝒊 𝒊𝒍 𝒑𝒂𝒍𝒂𝒛𝒛𝒐 𝒆̀ 𝒑𝒊𝒆𝒏𝒐 𝒂 𝒄𝒂𝒖𝒔𝒂 𝒅𝒊 𝒒𝒖𝒆𝒔𝒕’𝒖𝒐𝒎𝒐 (…) 𝒄𝒉𝒆 𝒔𝒂𝒄𝒓𝒊𝒇𝒊𝒄𝒐̀ 𝒍𝒂 𝒑𝒓𝒐𝒑𝒓𝒊𝒂 𝒇𝒊𝒈𝒍𝒊𝒂, 𝒄𝒂𝒓𝒊𝒔𝒔𝒊𝒎𝒂 𝒅𝒐𝒈𝒍𝒊𝒂 𝒅𝒊 𝒑𝒂𝒓𝒕𝒐 𝒑𝒆𝒓 𝒎𝒆.”

Leda e il cigno

Un giorno Zeus vide una splendida donna bagnarsi ad una fonte e ne rimase stregato. Come spesso amava fare, per avvicinarla ricorse ad una trasformazione e prese le sembianze di un cigno. Il signore degli dei riuscì a sedurre la bella fanciulla, che altri non era che Leda, moglie di Tindaro e regina di Sparta. Dalla loro unione nacquero Elena e Polluce, mentre dal marito Leda ebbe Castore e Clitemnestra (o Clitennestra).
Un giorno Tindaro, durante un sacrificio, dimenticò di onorare Afrodite, che si vendicò maledicendo Elena e Clitemnestra: avrebbero sposato più di un uomo e avrebbero sofferto per mano dei consorti.
In prime nozze Clitemnestra sposò Tantalo ed ebbe un figlio, ma ben presto marito e figlio furono assassinati da Agamennone, che la reclamò come sposa. Dalla coppia nacquero Oreste, Ifigenia, Elettra e Crisotemi.

Leda, il cigno, le due uova ed i quattro figli, Francesco Melzi, 1505

Clitemnestra e Agammenone

Anni dopo, al momento di partire per guerra di Troia, re Agamennone e la sua flotta vennero bloccati da venti contrari. Gli oracoli, interrogati, furono chiari: bisognava sacrificare Ifigenia alla dea Artemide. Il re sapeva bene che Clitemnestra avrebbe fatto di tutto per salvare la figlia, quindi mandò da lei Odisseo, per riferirle che Ifigenia sarebbe stata data in sposa ad Achille. La regina a questo punto affidò la figlia al re Itaca, che la condusse dal padre e verso la morte.

Il sacrificio di Ifigenia

Esistono due versioni del destino di Ifigenia. Secondo la prima, Artemide, vedendo la fanciulla reclina sull’altare, venne mossa a pietà, la sostituì con un una cerva e la portò via con sé. Clitemnestra tuttavia seppe mai che la figlia si era salvata. Secondo l’altra versione, il delitto venne consumato e Ifigenia immolata. In entrambi i casi venti tornarono favorevoli e Agamennone partì per la guerra di Troia.
Clitemnestra, informata della morte della figlia, giurò vendetta e, fedele al detto per cui la vendetta è un piatto che va gustato freddo, attese con pazienza il ritorno del marito. In questa attesa non era sola, c’era con lei l’uomo che divenne il suo amante: Egisto.
Neppure Agamennone era solo quando dieci anni dopo tornò nella sua reggia, con lui c’era la sua schiava, la principessa Cassandra. Lei, che aveva il dono della profezia, cercò di avvisarlo del pericolo, ma il dio Apollo l’aveva condannata a non essere mai creduta.

Ifigenia in Tauride, Anselm Feuerbach

La vendetta

Il re venne accolto da Clitemnestra con grandi festeggiamenti, ma al momento opportuno la regina ed Egisto uccisero lui e l’incolpevole Cassandra.
La vicenda si chiuse in un cerchio crudele: Clitemnestra, Egisto e la figlia che avevano avuto vennero trucidati da Oreste, ben deciso a vendicare il padre. Per il matricidio, il giovane venne condannato ad essere perseguitato dalle Furie e per espiare le sue colpe dovette peregrinare a lungo, ma di questo parleremo in futuro.

Clitemnestra dopo l’omicidio, John Collier, 1882

Scopri le donne pioniere

Malala Yousafzai e i diritti delle bambine

Isadora Duncan verso la gloria

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri l’Abruzzo

Fossa, tra antiche necropoli e affreschi medievali

Il romanico abruzzese

Francesco Paolo Michetti e il Cenacolo

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

La donna barbuta abruzzese

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri le curiosità

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

Edward Jenner, il padre dell’immunizzazione

0 Condivisioni