Il vaso di Pandora

Il vaso di Pandora

In un tempo lontano, quando la terra era solo popolata da dei e mostri, per ottenere il potere Zeus dovette combattere contro il padre Crono e i suoi sostenitori. I Titani, nati da Urano e Gea, parteggiarono chi per l’uno e chi per l’altro e a guerra finita i fiancheggiatori di Crono furono puniti e quelli di Zeus premiati.

La nascita del genere umano

Rimanevano però due titani, che non avevano partecipato allo scontro ma che al tempo stesso non avevano stima del signore degli dei: l’astuto Prometeo e lo sventato Epimeteo. Prometeo, in particolare, soffriva della devastazione che era stata portata sulla terra e decise di dare vita ad una creatura che potesse avere i suoi sentimenti e la sua aspirazione a mete nobili e alte. Impastò l’argilla con le sue lacrime e vi infuse il fuoco divino: era nato il primo uomo.

Cupola della Sala dei Giganti di Palazzo Te (Mantova), Giulio Romano

Quando fu il momento di decidere quali parti degli animali sacrificati sarebbero toccati agli dei e quali agli uomini, Prometeo uccise un bue, avvolse le carne nella pelle e le ossa nel grasso, poi si presentò a Zeus e gli chiese di scegliere. Il dio, improvvido, scelse il grasso, credendo di trovarvi sotto la carne. Quando capì di essere stato imbrogliato, padre degli dei si adirò a tal punto da privare gli uomini del fuoco. Il titano, a quel punto, accese una torcia al carro del sole e restituì le fiamme al genere umano, ma pagò un prezzo altissimo: Zeus lo condannò ad essere incatenato ad una roccia e ogni giorno un’aquila arrivava a banchettare col suo fegato, che la notte ricresceva. Il titano sarebbe stato liberato da Eracle moltissimi anni dopo.

Prometeo incatenato, Gregorio Martinez (1590)

Il vaso di Pandora

La punizione per gli uomini non tardò a seguire quella di Prometeo. Per ordine di Zeus, Efesto modellò con la creta una splendida fanciulla, a cui Afrodite e Minerva donarono grazia, bellezza e abilità. Ermes, incaricato di condurla da Epimeteo affinché la sposasse, la dotò anche di astuzia e di curiosità. Quella creatura venne chiamata Pandora, “ricca di ogni dono”, e come regalo di nozze Zeus le diede un vaso in cui erano contenuti tutti i beni e tutti i mali. A Pandora non fu rivelato il contenuto del vaso, ma le fu raccomandato di non aprirlo.

Pandora, John William Waterhouse

La curiosità che le era stata instillata, però, dopo poco ebbe il sopravvento: Pandora aprì il coperchio proibito e improvvisamente i mali si diffusero su tutta la terra, mentre il bene si dissolveva in una nuvola di fumo. La fanciulla, avvedutasi del tragico errore, chiuse il vaso, ma fece in tempo a salvare un bene solo, ma preziosissimo: la speranza.

Scopri l’Abruzzo

Le antiche chiese d’Abruzzo

Fossa, tra antiche necropoli e affreschi medievali

Il romanico abruzzese

Francesco Paolo Michetti e il Cenacolo

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

La donna barbuta abruzzese

Scopri le donne pioniere

Malala Yousafzai e i diritti delle bambine

Isadora Duncan verso la gloria

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri le curiosità

Jules Verne e i Viaggi Straordinari

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

Edward Jenner, il padre dell’immunizzazione

0 Condivisioni