Alice Ball, l’oltraggio e la beffa

Alice Ball, l’oltraggio e la beffa

Alice Ball è stata la prima donna e la prima afroamericana ad ottenere un master presso l’Università delle Hawaii. Ottenne straordinari risultati nella cura della lebbra, ma dopo la sua morte prematura un collega pubblicò i suoi dati senza darle alcun credito.

La giovane dottoressa Ball

Alice Ball nacque a Seattle il 24 luglio 1892. Suo padre dirigeva un giornale e suo nonno era celebre come uno dei primi uomini di colore a fare dagherrotipi, gli antenati delle fotografie moderne.

Laureatasi in chimica presso l’Università di Washington, Alice si specializzò in chimica farmaceutica e in farmacologia. Ammessa poi all’Università delle Hawaii, nel 1915 ottenne – prima donna nella storia americana – il Master of Science in Chimica.

La lebbra

La sua tesi trattava dell’estrazione del principio attivo del kava, pianta diffusa in Polinesia e dagli effetti piscotropi. Al contempo, insieme dottor Harry T. Hollmann, cercò di applicare le tecniche che aveva appreso in un progetto ambizioso. In quel periodo la lebbra – malattia terribile e invalidante – è ancora molto diffusa. Oggi sappiamo che può essere trattata con specifici antibiotici, ma allora l’unica soluzione era l’olio di chaulmoogra, estratto da alcune piante locali.

Gynocardia odorata (da cui si estrae l’olio chaulmoogra) –  https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=7740620

Questa sostanza, oleosa, dal sapore disgustoso e impossibile da iniettare, presentava tuttavia serissimi problemi di somministrazione. Alice riuscì a isolare il principio attivo e a renderlo solubile in acqua, in modo da poterlo iniettare. Il trattamento avrebbe salvato centinaia di vite.

Una morte premaura

Il 31 dicembre 1916, a soli 24 anni,  Alice Ball morì in circostanze mai chiarite prima di poter pubblicare i suoi risultati scientifici. La causa più accreditata della sua scomparsa fu un avvelenamento accidentale da cloro, ma il certificato di morte originale fu alterato. Il documento, che attribuiva il decesso alla tubercolosi, non fece altro che infittire il mistero.

Dopo la sua morte il presidente dell’Università delle Hawaii Arthur L. Dean proseguì la produzione dell’estratto e pubblicò i risultati di Alice prendendosene ogni merito. Il procedimento venne chiamato “Metodo Dean” e il nome della Ball cadde nell’oblio, nonostante i tentativi di Hollmann di renderle giustizia.

Le scoperte di Alice Ball permisero di curare la lebbra fino agli anni ’40, quando vennero sviluppati degli antibatterici chiamati sulfamidici, ma il suo lavoro è stato riconosciuto solo nel 2000, quando l’Università delle Hawaii le ha dedicato una targa ed è stato istituito l’Alice Ball Day, che cade il 29 febbraio.

Sembra quasi l’ennesima beffa

 

Scopri le donne pioniere

Mary Shelley e la nascita di Frankenstein

Giovanna Milli, la poetessa abruzzese che incantò l’Italia

Amelia Earhart, la pioniera del volo

Kathrine Switzer, la prima maratoneta di Boston

Malala Yousafzai e i diritti delle bambine

Isadora Duncan verso la gloria

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri le curiosità

Emilio Salgari, il padre italiano dell’avventura

Anna di Clèves, la “buona sorella del re”

Jules Verne e i Viaggi Straordinari

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

Edward Jenner, il padre dell’immunizzazione

0 Condivisioni