Isadora Duncan verso la gloria

Isadora Duncan verso la gloria

Il 27 maggio 1877 nasceva a San Francisco Isadora Duncan, pioniera della danza moderna dalla vita tormentata e drammatica.

L’esordio

Il suo esordio sulle scene fu proprio negli Stati Uniti, dove il suo stile tuttavia non fu apprezzato. Nel 1900 Isadora Duncan debuttò a Londra e quella fu la prima di una serie esibizioni in Europa che le valsero l’ammirazione di molti artisti e intellettuali dell’epoca.

Isadora fu artefice di un rivoluzionario cambiamento rispetto alla danza classica, rifiutò di indossare scarpette a punta e costumi elaborati preferendo ballare scalza e con abiti leggeri simili a pepli. Le sue erano interpretazioni caratterizzate da una forte carica di emotività ed espressività e diedero il via ad una nuova concezione della danza teatrale.

La sua arte influenzò addirittura la compagnia dei Balletti Russi di Sergej Djaghilev e il suo debutto a San Pietroburgo fu un tale successo che in seguito tornò in Russia per aprire una scuola di danza a Mosca su invito di Lenin.

Una vita tragica

Al grande successo artistico corrispose una vita privata movimentata e tragica. Dalla relazione con l’attore e regista Edward Gordon Craig ebbe due figli che nel 1913 annegarono nella Senna insieme alla loro governante. In seguito Isadora Duncan si legò a Paris Eugene Singer, uno dei figli fondatore della fabbrica di macchine da cucire Singer, ma la liaison che fece più scalpore fu quella con il poeta russo Esenin, di diciotto anni più giovane di lei. I due si sposarono nel 1922, nonostante conoscessero pochissimo l’uno la lingua dell’altro, e dopo un anno in giro per Europa e America si lasciarono. Esenin sarebbe morto suicida due anni dopo.

Duncan ed Esenin (1923)

 

Negli ultimi anni della sua vita il successo di Isadora cominciò a declinare e quando tornò ad esibirsi negli Stati Uniti il pubblico non le risparmiò critiche per i suoi capelli tinti e per la sua figura appesantita. Tornò a vivere in Francia, ma la situazione non migliorò. Spesso era ubriaca e i problemi economici non le davano tregua.

La morte

Il 14 settembre 1927, prima di salire in macchina disse ai suoi amici: “Addio, amici, vado verso la gloria!” (secondo una ritrattazione successiva disse: “Vado verso l’amore”). Isadora non raggiunse mai la sua destinazione: la lunga sciarpa che indossava si impigliò nei raggi della sua Bugatti, strangolandola.

Il suo corpo venne cremato e le sue ceneri riposano nel Cimitero del Père-Lachaise a Parigi.

Scopri le donne pioniere

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri l’Abruzzo

Il romanico abruzzese

Francesco Paolo Michetti e il Cenacolo

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

La donna barbuta abruzzese

Scopri le curiosità

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

0 Condivisioni