Dentro il bianco – Recensione

Dentro il bianco

Titolo: Dentro il bianco

Autore: Sonia Bucciarelli

Casa editrice: Masciulli Edizioni

Anno: 2018

Genere: thriller

ISBN: 978-88-85515-185

Prezzo (Euro): 15

N. Pagine: 254

Dentro il Bianco

Non è la prima volta che mi trovo a recensire i romanzi di Sonia Bucciarelli, giovane e vulcanica scrittrice originaria di Fara Filiorum Petri (CH), ma ormai da qualche anno cittadina di Ortona, e devo dire che è sempre un piacere.

La Bucciarelli è ormai una veterana del genere thriller e ha esordito nel 2008 con “Scomparsi a Urbino” (trovate la mia recensione qui), proseguendo nel 2014 con “Oltre gli occhi” e nel 2018 proprio con “Dentro il bianco”.

Protagonista indiscussa di tutti e tre i libri è Claudia De Angelis, decisa e volitiva ispettrice di polizia che sotto una ruvida corazza nasconde una sensibilità estrema, pareggiata solo da suo ferreo senso di giustizia. Sarà proprio questa incrollabile fede a condurla, in un momento in cui la sua vita personale ha subito un colpo durissimo, fino a Oxford, dove dovrà indagare come semplice civile.

Mentre Claudia cerca di venire a patti con la scomparsa del compagno, svanito nel nulla come se non fosse mai esistito, riceve una richiesta di soccorso. Ad invocare il suo aiuto è Gaye, una sua vecchia amica: il suo fidanzato Atan è stato assassinato e il suo cadavere è stato rinvenuto nelle gelide acque del fume della città. Le indagini degli inquirenti, frettolose e superficiali, non stanno approdando a nulla di sensato.

Claudia arriva così in una Oxford innevata e intorpidita, in cui il niveo candore non è solo elemento del paesaggio, ma vera e propria metafora dello stato d’animo della protagonista, svuotata e indurita. Diviene il simbolo di un’atarassia da cui Claudia dovrà cercare in ogni modo di riscuotersi perché stavolta si trova a fronteggiare il nemico più pericoloso della sua carriera.

In una estenuante gara del gatto col topo l’ispettrice De Angelis si ritroverà al centro di una orribile spirale di sangue e dovrà mettere a repentaglio la sua vita per riuscire non solo a trovare l’assassino di Atan ma anche per distruggere un’associazione criminale che persegue uno scopo terrificante.

Leggendo “Dentro il bianco” il lettore si ritroverà a vivere un’avventura in cui i momenti al cardiopalma sono sapientemente bilanciati con quelli di alleggerimento e con le digressioni psicologiche, che sono ormai la cifra stilistica di Sonia Bucciarelli. In breve, un romanzo da non perdere.

Sonia Bucciarelli gestisce l’omonima pagina facebook, un sito internet e tiene un corso di scrittura.

Scopri anche…

La nostra area blog 

La nostra area racconti.

Le altre recensioni

Quando Borg posò lo sguardo su Eve

Sotto le scale

Il risveglio di Bruno

La Rajetta

39 Condivisioni