Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Jacqueline Lee Bouvier Kennedy Onassis, icona di stile ed eleganza, è stata la 35ª first lady statunitense.

First Lady

Jacqueline nel 1935

Nata il 28 luglio 1929 a Southampton da una famiglia dell’alta società newyorkese,  Jacqueline si laureò in belle arti nel 1951.

Il suo primo lavoro fu al “The Washington Times”, che le affidò una serie di interviste a personaggi noti nella capitale statunitense. Fu proprio grazie a questo incarico che ebbe modo di incontrare il suo futuro marito John Fitzgerald Kennedy.

I due si sposarono il 12 settembre 1953, quando Kennedy era senatore e astro nascente del Partito Democratico e Jacqueline Kennedy fu first lady dal 20 gennaio 1961 al 22 novembre 1963, data dell’assassinio del marito.

Jacqueline il giorno delle sue nozze con Kennedy

All’inizio della campagna per le elezioni presidenziali del 1960, Jacqueline cominciò ad affiancare costantemente suo marito attraverso tutti gli Stati Uniti. L’8 novembre 1960 Kennedy sconfisse Richard Nixon, divenendo il 35º Presidente degli Stati Uniti d’America: Jackie Kennedy divenne una delle più giovani First lady della storia.

La sua riconosciuta abilità sociale ebbe effetti positivi sulle relazioni internazionali statunitensi. È rimasto leggendario il suo savoir faire con il generale de Gaulle a Parigi e con il leader sovietico Nikita Kruscev, che rimase affascinato da lei nel corso del summit di Vienna.
La coppia presidenziale si distinse per il coinvolgimento in eventi sociali e culturali e volle circondarsi di artisti, celebrità e premi Nobel, che parteciparono ai pranzi e alle cerimonie, mescolandosi alle autorità politiche.

Il 22 novembre 1963 a Dallas, Texas, John Fitzgerald Kennedy fu ferito mortalmente da dei colpi di fucile.
Per un anno dopo il funerale Jacqueline portò avanti il lutto, durante il quale non fece apparizioni pubbliche.

Dopo la morte di Kennedy

In seguito sostenne il cognato Robert nel corso della sua campagna presidenziale, ma il 6 giugno 1968 anche Robert fu assassinato. A questo punto Jacqueline Kennedy, temendo che tutti i Kennedy potessero essere in qualche modo “nel mirino”, decise di lasciare gli Stati Uniti e, dopo soli quattro mesi, il 20 ottobre 1968, sposò l’armatore greco Aristotele Onassis.

Il matrimonio tra Jacqueline e l’armatore non funzionò bene: la coppia raramente trascorse il proprio tempo insieme più di quanto garantito dal contratto prematrimoniale e Jacqueline finì per dedicarsi ai viaggi e allo shopping.

Quando Onassis morì, il 15 marzo 1975, Jaqueline ereditò 26 milioni di dollari. Negli ultimi anni della sua vita visse a New York, dove collaborò con alcune riviste come esperta di arte egizia.

Nel 1994 le fu diagnosticato un linfoma non Hodgkin che la condusse alla morte il 19 maggio dello stesso anno. Jacqueline Kennedy è sepolta a fianco del suo primo marito, John Fitzgerald Kennedy, nel Cimitero Nazionale della Contea di Arlington.

Scopri le donne pioniere

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri l’Abruzzo

Il romanico abruzzese

Francesco Paolo Michetti e il Cenacolo

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

La donna barbuta abruzzese

Scopri le curiosità

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

51 Condivisioni