Charles Manson e il massacro di Cielo Drive

Charles Manson e il massacro di Cielo Drive

Il 9 agosto 1969 si verificava il massacro di Cielo Drive, ossia l’omicidio di cinque persone – tra cui l’attrice Sharon Tate, allora incinta – ad opera di quattro membri della “family” di Charles Manson.

Il sogno di Charles Manson

Charles Manson nacque a Cincinnati il 12 novembre 1934 e dopo una vita sregolata e diversi anni di carcere cominciò a raccogliere intorno a sé un numero crescente di giovani soggiogati dal suo carisma, fondando un gruppo che dapprima girovagò per il sud-ovest degli Stati Uniti e poi si insediò nei pressi di Los Angeles, mantenendosi attraverso furti e attività criminali.

Il sogno di Manson era quello di diventare un famoso musicista. Col supporto economico di Dennis Wilson, batterista dei Beach Boys, si recò in uno studio di registrazione di Los Angeles. Terry Melcher, produttore musicale e figlio di Doris Day, inizialmente si interessò ad alcune canzoni composte da Manson, ma alla fine non volle scritturarlo per la Columbia Records.

Foto segnaletica di Charles Manson (1956)

La villa di Melcher

Il 9 agosto 1969, Manson pianificò un’irruzione nella villa di Melcher, pur sapendo che era ora abitata dal regista Roman Polański e da sua moglie Sharon Tate. Quella notte Polański era fuori casa e la Tate, che era all’ottavo mese di gravidanza, era in compagnia di amici.
Charles “Tex” Watson, Susan Atkins, Patricia Krenwinkel e Linda Kasabian si recarono armati presso l’abitazione e i primi tre scavalcarono la recinzione che circondava il parco della villa. Il primo a morire fu Steven Parent, un amico del guardiano dell’abitazione che venne sorpreso mentre usciva.

Sharon Tate (1967)

Helter Skelter

Entrati nella villa, i membri della “family” non ebbero alcuna pietà per i presenti. Il parrucchiere Jay Sebring fu ferito con un colpo di revolver e finito con una serie di coltellate. Wojciech Frykowski e Abigail Folger, furono accoltellati ripetutamente. L’ultima vittima fu Sharon Tate, col cui sangue Susan Atkins scrisse sulla porta da cui avevano fatto irruzione “PIG”. Sullo specchio del bagno venne scritto “Helter Skelter,” espressione inglese che significa “confusione” e titolo di una canzone dei Beatles. Non ci furono sopravvissuti alla strage.

Foto segnaletiche di Susan Atkins, Charles “Tex” Watson e Patricia Krenwinkel

L’arresto e la condanna

Manson, grazie al lavoro di Vincent Bugliosi, avvocato di origini italiane, e alla testimonianza di Linda Kasabian fu arrestato e processato. Il dibattimento fu uno dei più lunghi della storia degli Stati Uniti e Manson dichiarò che i delitti gli erano stati ispirati in gran parte dalle canzoni del doppio “White Album” dei Beatles. Il suo avvocato arrivò addirittura a citare John Lennon come testimone a discarico, ma ovviamente il cantante si tenne ben lontano dalla vicenda.
Manson e la sua family furono condannati alla pena di morte, poi commutata in ergastolo. Charles Manson è morto il 19 novembre 2017.

Scopri l’Abruzzo

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Gli eremi di Roccamorice

Le antiche chiese d’Abruzzo

Fossa, tra antiche necropoli e affreschi medievali

Il romanico abruzzese

Francesco Paolo Michetti e il Cenacolo

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

La donna barbuta abruzzese

Scopri le donne pioniere

Giovanna Milli, la poetessa abruzzese che incantò l’Italia

Amelia Earhart, la pioniera del volo

Kathrine Switzer, la prima maratoneta di Boston

Malala Yousafzai e i diritti delle bambine

Isadora Duncan verso la gloria

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri le curiosità

Anna di Clèves, la “buona sorella del re”

Jules Verne e i Viaggi Straordinari

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

Edward Jenner, il padre dell’immunizzazione

0 Condivisioni