Franca Viola, la prima a rifiutare il matrimonio riparatore

Franca Viola, la prima a rifiutare il matrimonio riparatore

Franca Viola, nata ad Alcamo (TP) il 9 gennaio 1948, è stata la prima donna a rifiutare il matrimonio riparatore, diventando un simbolo dell’emancipazione femminile in Italia.

Il rapimento

Era il 26 dicembre 1965 quando la diciassettenne Franca Viola venne rapita insieme al fratellino. A portarla via dalla sua casa di Alcamo fu una dozzina di uomini, capeggiati da Filippo Melodia, nipote del mafioso Vincenzo Rimi.
Franca e Vincenzo erano stati fidanzati, ma dopo la scoperta dell’appartenenza dell’uomo ad una banda mafiosa il legame era stato troncato. Erano seguite minacce di morte e la distruzione di un casolare e di un vigneto, ma la famiglia Viola non aveva ceduto.

Franca Viola (1967)

Poi, il sequestro. Il fratellino di Franca Viola venne rilasciato quasi subito, la ragazza invece fu tenuta prigioniera otto giorni, prima in una cascina e poi a casa della sorella di Melodia. Dopo averla picchiata, affamata e stuprata, il primo gennaio Filippo contattò Bernardo, il padre di Franca, per quella che veniva chiamata “la paciata”, ossia un incontro in cui si obbligavano le famiglie ad accettare le nozze, dato che erano state già “consumate”. In accordo con le forze dell’ordine, Bernardo finse di accettare il matrimonio riparatore e il 2 gennaio la polizia fece irruzione, liberò Franca e arrestò i suoi sequestratori.

Il matrimonio riparatore

E’ necessario sottolineare come allora lo stupro non fosse considerato un reato contro la persona, ma contro la morale, e che secondo l’articolo 544 del codice penale la colpa era estinta con matrimonio tra vittima e carnefice. In caso contrario, la donna era considerata svergognata e nessuno l’avrebbe più sposata.

Franca Viola, sfidando la morale dell’epoca e col pieno appoggio dei suoi genitori, rifiutò le nozze e volle un processo. Durante il dibattimento la difesa cercò di screditare la ragazza, ma alla fine Filippo Melodia fu condannato ad undici anni di carcere e i suo complici a 5 anni e 2 mesi ciascuno. Melodia alla fine uscirà dal carcere nel 1976 e due anni dopo sarà freddato da ignoti. Franca si è sposata nel 1968 con un compaesano ed è ancora un simbolo di forza e dignità.

La legge sul matrimonio riparatore è stata abrogata solo nel 1981 e nel 1996, con colpevole ritardo, lo stupro è diventato in Italia un reato contro la persona e non contro la morale.

“𝑰𝒐 𝒏𝒐𝒏 𝒔𝒐𝒏𝒐 𝒑𝒓𝒐𝒑𝒓𝒊𝒆𝒕𝒂̀ 𝒅𝒊 𝒏𝒆𝒔𝒔𝒖𝒏𝒐, 𝒏𝒆𝒔𝒔𝒖𝒏𝒐 𝒑𝒖𝒐̀ 𝒄𝒐𝒔𝒕𝒓𝒊𝒏𝒈𝒆𝒓𝒎𝒊 𝒂𝒅 𝒂𝒎𝒂𝒓𝒆 𝒖𝒏𝒂 𝒑𝒆𝒓𝒔𝒐𝒏𝒂 𝒄𝒉𝒆 𝒏𝒐𝒏 𝒓𝒊𝒔𝒑𝒆𝒕𝒕𝒐, 𝒍’𝒐𝒏𝒐𝒓𝒆 𝒍𝒐 𝒑𝒆𝒓𝒅𝒆 𝒄𝒉𝒊 𝒍𝒆 𝒇𝒂 𝒄𝒆𝒓𝒕𝒆 𝒄𝒐𝒔𝒆, 𝒏𝒐𝒏 𝒄𝒉𝒊 𝒍𝒆 𝒔𝒖𝒃𝒊𝒔𝒄𝒆.”

 

Scopri le donne pioniere

Malala Yousafzai e i diritti delle bambine

Isadora Duncan verso la gloria

Gigliola Staffilani, il genio matematico che viene dall’Abruzzo

Junko Tabei, la conquistatrice dell’Everest

Grace Kelly, il “ghiaccio bollente” di Hollywood

Tina Anselmi, la madre del Sistema Sanitario Nazionale

Lina Merlin, la prima senatrice della Repubblica Italiana

Mae West, la prima sex symbol di Hollywood

Caroline Mikkelsen e Ingrid Christensen, le pioniere dell’Antartide

Beatrice Cenci, che osò ribellarsi al suo aguzzino

Italia Donati e il peso della calunnia

Rosmunda, che bevve al calice della vendetta

Frida Kahlo, una vita nella burrasca

Artemisia Gentileschi, quando l’arte riscatta la sofferenza

Rosalind Franklin, la scienziata che per prima vide il DNA

Beatrix Potter, l’illustratrice e naturalista rifiutata dalla Linnean Society

Lavinia Fontana, la Pontificia Pittrice

Tamara de Lempicka, la regina dell’Art Déco

Saffo, la decima musa

Katharine Hepburn, il veleno per il botteghino

Eleonora di Arborea e la Carta de Logu

Lola Di Stefano, l’eroica insegnante

Sabina Santilli e la lega del filo d’oro

Marlene Dietrich, l’angelo azzurro

Filomena Delli Castelli, un’abruzzese alla Costituente

Paolina Bonaparte, la Venere Vincitrice

Jacqueline Kennedy, l’indimenticabile first lady

Ada Lovelace, l’incantatrice di numeri

Nettie Stevens e la determinazione cromosomica del sesso

Greta Garbo, la fata severa

Marie Curie, la prima donna a vincere il Nobel

Sissi, la vera storia di Elisabetta di Baviera

Agatha Christie, la scrittrice che sparì per dieci giorni

Tiny Broadwick, la donna che sfidò la gravità

Scopri l’Abruzzo

Fossa, tra antiche necropoli e affreschi medievali

Il romanico abruzzese

Francesco Paolo Michetti e il Cenacolo

Giulio Mazzarino, l’abruzzese che dominò la Francia

Giorgio William Vizzardelli, il serial killer quattordicenne

La donna barbuta abruzzese

Scopri le  Donne Killer

Giulia Tofana, la signora del veleno

Lizzie Borden ha preso un’accetta

Lavinia Fisher, la serial killer in abito da sposa

Leonarda Cianciulli, la saponificatrice di Correggio

Aileen Wuornos, the monster

Erzsébet Báthory, la contessa Dracula

Lizzie Halliday, una vedova nera nella New York di fine ‘800

La lunga scia di sangue di Belle Gunness

Scopri le curiosità

Charlotte de Berry, la piratessa tra verità e leggenda

Diabolik e il delitto di via Fontanesi

New Orleans, 14 marzo 1891: Il linciaggio degli italiani

Jack Lo Squartatore: chi erano le sue vittime?

Il Bazar de la Charité e il sogno infranto della Belle Époque

Oetzi, la mummia di Similaun

Halloween: la nascita di una tradizione

Epifania: le origini della tradizione

San Valentino: com’è nata la festa degli innamorati?

Pasqua: le curiosità che forse non conosci

Natale: dal Sol Invictus alla tradizione cristiana

Evelyn Hooker, l’OMS e la cancellazione dell’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali

Anne Perry, la giallista che visse due volte

Vermeer e “La Lettera d’Amore” rubata

Edward Jenner, il padre dell’immunizzazione

0 Condivisioni