La mistica della marmellata – Recensione

La mistica della marmellata

Scheda

Titolo: La  mistica della marmellata

Autore: Mariaester Graziano

Casa editrice: Edizioni Tabula Fati

ISBN: 978-88-7475-713-8

Prezzo (Euro): 17

N. Pagine: 232

La mistica della marmellata

Per il mio spazio di piccole recensioni oggi vi parlo di un libro che si presenta particolare fin dal titolo, “La mistica della marmellata” di Mariaester Graziano.

Il libro, edito da Tabula Fati, e che sarebbe riduttivo definire romanzo, è un vero e proprio viaggio nella memoria della protagonista, sospeso tra passato e presente.

Strutturato in brevi capitoli, “La mistica della marmellata” prende spunto dal tragico terremoto dell’Aquila del 2009.
L’autrice viene infatti dal capoluogo abruzzese, e il suo è davvero un sentito omaggio alla bella e sfortunata cittadina. Tra le righe dei tanti racconti traspare l’emozione, quasi trepidazione, di Mariaester al cospetto della tragica vicenda.

Un particolare che lega tra loro le varie storie è la presenza in tutti i capitoli del vetro e degli specchi, un dettaglio che – nelle parole dell’autrice – dà luogo a una profonda riflessione su noi stessi e sul tempo.

Lo stesso titolo, così particolare ed efficacissimo nel rimanere impresso nella memoria, sta a simboleggiare il contrasto tra un piano spirituale, “mistico” appunto, e uno più materiale quando non commerciale, evocato dall’immagine delle marmellate industriali. Mariaester si propone, proprio attraverso “La mistica della marmellata” di cercare una nuova via, che non sia forzatamente riconducibile a un mondo o all’altro.

Lascio ai lettori il piacere di capire se l’autrice riesca in questo suo intento, ma di sicuro quello in cui la Graziano riesce è comunicare la sua grande passione per la scrittura; il suo è uno stile emozionante e vibrante, spesso non immediato e a volte di difficile interpretazione, quasi a sfidare il lettore a uscire dai canoni più diffusi.

La scrittura di Mariaester pare a tratti quasi una catarsi, un modo intimista per curare le ferite dell’anima.

“La mistica della marmellata” è dunque un testo che vi consiglio di cuore, un percorso lenitivo attraverso le mille sfaccettature di una tragedia che ha colpito in primo luogo L’Aquila, ma anche tutto il nostro paese. Un viaggio emozionante in compagnia di una scrittrice che sa come far vibrare le giuste corde nell’animo del lettore.

Scopri anche…

La nostra area blog 

La nostra area racconti.

Le altre recensioni

Quando Borg posò lo sguardo su Eve

Sotto le scale

Il risveglio di Bruno

La Rajetta

Dentro il bianco

L’immagine è poesia

Rapsodia Minore

La Madama

Ho provato ad essere normale ma mi annoiavo

La guerra di Lia 

Shah Mat

175 Condivisioni