La Madama – Recensione

La Madama

Scheda

Titolo: La Madama

Autore: Antonio Tenisci

Casa editrice: Edizioni Tabula Fati

Anno:

Genere: Giallo storico

ISBN: 978-88-7475-502-8

Prezzo (Euro): 10

N. Pagine: 104

La Madama

La recensione del libro che vi propongo oggi mi è particolarmente cara, infatti si tratta de “La Madama” di Antonio Tenisci ed è un romanzo storico, uno dei miei generi di riferimento.

“La Madama” che dà il titolo al libro, non è altri che Margherita d’Austria, personaggio che ha dato lustro alla storia della vicina Ortona, dove trascorse gli ultimi anni della sua vita.

Antonio Tenisci è uno scrittore nato proprio ad Ortona, dove lavora nel campo dell’informatica – collaborando con Telecom e con la Camera dei Deputati – e ha iniziato la carriera letteraria con la pubblicazione di alcuni racconti.
Il suo primo romanzo è “Nuvole rosse sotto il mare”, per i tipi di Solfanelli. L’opera prima narra una struggente storia d’amore sullo sfondo della tragica Battaglia di Ortona del 1943. Ha poi pubblicato la raccolta di racconti “Tommies” e “Akhenaton l’eretico”, ambientato nella civiltà egizia e firmato col collettivo Valery Esperian; un’altra prestigiosa collaborazione è quella col Giallo Mondadori, per il quale ha scritto “Ombre viola”, breve romanzo inserito nella raccolta “Amori malati”.

Il romanzo

Ma parliamo de “La Madama”. Il romanzo è tratto da un’opera teatrale, scritta dallo stesso Tenisci; la storia inizia proprio la notte in cui è previsto l’arrivo della Madama a Ortona.
Sullo sfondo della vicenda, avviene l’omicidio del depravato Podestà Girolamo Riccardi. A indagare è il capitano Rulen, un personaggio ispirato a Cristoforo il Moro, garzone di stalla di Carlo V che lo seguì nelle Fiandre dalla Spagna.

Il filo narrativo si svolge nello stile più classico del giallo, tra colpi di scena e una storia d’amore appena accennata.
Nella continuità temporale della storia e nei dialoghi secchi si scorge l’origine teatrale della vicenda. Ovviamente non manca il finale a sorpresa, nel quale Tenisci riannoda abilmente i vari fili della storia, con un imprevedibile colpo di scena di cui non vi svelo nulla.

La grande abilità di Tenisci è quella di portare avanti l’intreccio giallo senza buchi nella trama e mantenendo costante la tensione narrativa; un valore aggiunto è la bella ricostruzione di una Ortona rinascimentale, un periodo che amo molto.
Un altro pregio, infine, è quello di dare spazio a un personaggio come la Madama, Margherita d’Austria, una donna moderna che portò un governo illuminato ovunque ne avesse la responsabilità, ma che non viene ricordata troppo spesso.

 

Scopri anche…

La nostra area blog 

La nostra area racconti.

Le altre recensioni

Quando Borg posò lo sguardo su Eve

Sotto le scale

Il risveglio di Bruno

La Rajetta

Dentro il bianco

L’immagine è poesia

Rapsodia Minore

Nero. Dramma in provincia

 

 

46 Condivisioni