La Rajetta – Recensione

La Rajetta

Scheda

Titolo: La Rajetta

Autore: Adriana Comaschi

Casa editrice: Edizioni Tabula Fati

Anno: 2018

Genere: fantasy

ISBN: 978-88-7475-687-2

Prezzo (Euro): 14

N. Pagine: 168

 

La Rajetta

Il mio viaggio nel mondo del fantasy è iniziato tanto tempo fa, quando mi sono trovata per le mani “Il Signore degli anelli” di Tolkien, ed è stato amore a prima vista, ma era da tanto che non mi concedevo un libro di questo genere. Ricominciare con “La Rajetta” è stata davvero un’esperienza piacevole. Adriana è una scrittrice infaticabile, sempre pronta ad accettare nuove sfide e che spazia sapientemente dal giallo al fantasy attraversando il romanzo storico.

Uno dei grandi punti di forza di questo romanzo è l’ambientazione: siamo sulle Dolomiti, in un passato oscuro e primordiale in cui le tribù ladine si contendevano in modo cruento le risorse necessarie per la sopravvivenza e non solo. A dominare la scena ci sono Dolasila, principessa guerriera, resa imbattibile dalla sua magica armatura forgiata dai nani di Latemar, e suo padre Rajes, machiavellico e crudele re dei Fanes, che con la sua smania di potere innescherà una guerra con i popoli vicini.

La corazza non è l’unico prodigioso artefatto tra le mani della bella Dolasila: sul suo elmo brilla la rajetta, una gemma dai poteri antichi e straordinari persa anni addietro da Spina de Mul, stregone pronto a fare di tutto per riconquistarla.

La Comaschi, con la sua scrittura agile  e mai banale, ci trasporta in un racconto in cui la poca realtà storica conosciuta si amalgama con le leggende locali e i più classici stilemi del romanzo fantasy. L’aspetto magico, mai troppo invadente, è dosato con maestria e lascia affascinati e incuriositi. I protagonisti ben caratterizzati, imperfetti e realisticamente umani, spesso ci sorprendono con i loro comportamenti, alcuni con la loro meschinità, altri col proprio eroismo. Altri ancora per gli estremi sacrifici compiuti per amore.

“La rajetta” è un romanzo godibilissimo e un raro esempio nostrano di fantasy ambientato sulle nostre montagne, laddove la storia sconfina prepotente nel mito, che appassionerà sia i cultori di vecchia data che chi si avvicina per la prima volta al mondo del fantastico.

 

Scopri la nostra area blog 

Scopri la nostra area racconti.

Le altre recensioni

Quando Borg posò lo sguardo su Eve

Sotto le scale

Il risveglio di Bruno

43 Condivisioni